Servizi

PRATICHE PATENTI

CONVERSIONE O RICONOSCIMENTO DELLA PATENTE ESTERA

I titolari di una patente di guida rilasciata da uno Stato estero (extracomunitario) possono guidare sul territorio italiano veicoli per i quali è valida la loro patente purché non residenti in Italia da più di un anno.
La patente estera (extracomunitaria) deve essere accompagnata dal permesso internazionale di guida (rilasciato dallo Stato estero che ha emesso la patente) ovvero da una traduzione ufficiale in lingua italiana.
Dopo un anno dall'acquisizione della residenza in Italia i titolari di patente di guida extracomunitaria non sono più abilitati alla conduzione di veicoli sul territorio italiano.
E' possibile convertire la patente di guida extracomunitaria in patente italiana se è stata rilasciata da uno degli Stati riportati nel sottostante elenco.
I titolari di una patente di guida rilasciata da uno Stato dell'Unione Europea possono guidare sul territorio italiano veicoli per i quali è valida la loro patente, senza obbligo di conversione dopo un anno dall'acquisizione di residenza in Italia.
Per le patenti rilasciate da Stati dell’Unione Europea è consigliabile richiedere, in alternativa, la conversione oppure il riconoscimento di validità (ad esempio per facilitare le procedure di rinnovo o duplicato patente)
La conversione consiste nel rilascio di una nuova patente italiana corrispondente a quella estera.
Il riconoscimento consiste nel rilascio di un tagliando da applicare sulla patente estera.
Elenco degli Stati per i quali è possibile ottenere la conversione delle patenti (dati aggiornati a maggio 2009):
Albania (fino al 15/08/2014); Algeria; Argentina; Austria; Belgio; Bulgaria; Cipro; Croazia; Danimarca; El Salvador (fino al 19/09/2014); Estonia; Filippine; Finlandia; Francia; Germania; Giappone; Gran Bretagna; Grecia; irlanda; islanda; lettonia; libano; Liechtenstein; Lituania; Lussemburgo; Macedonia; Malta; Marocco; Moldova; Norvegia; Paesi Bassi; Polonia; Portogallo; Principato di Monaco; Repubblica Ceca; Repubblica di Corea; Repubblica Slovacca; Romania; San Marino; Slovenia; Spagna; Svezia; Svizzera; Taiwan; Tunisia; Turchia; Ungheria; Uruguay (fino al 12/12/2014).
Conversione permessa solo ad alcune categorie di cittadini:
Canada (personale diplomatico e consolare)
Cile (personale diplomatico e loro familiari)
Stati Uniti (personale diplomatico e loro familiari)
Zambia (cittadini in missione governativa e loro familiari)

Documenti necessari per la conversione:

Documenti necessari per il riconoscimento: